Tammurriata nera... #ioscatto_napoli #verso_sud_bnw #napoliproject #ig_napoli #ig_napoli_ #ig_napule #foto_napoli #vivonapoli #volgonapoli #loves_napoli #loves_napoli_ #loves_united_napoli #bnw_kings #ok_bnw #world_bnw #total_bnw #fotofanatics_bnw_ #pocket_bnw #ig_great_shots_bnw #igclub_bnw #cuordinapoli #ilikenapoli #volgocampania

Nel 1945 Edoardo Nicolardi è dirigente amministrativo di un ospedale di Napoli. Nel reparto maternità succede un fatto “strano”: a una ragazza napoletana nasce un bambino dalla pelle nera. Qualcuno cerca delle scuse: forse c’è qualcosa che la scienza non sa spiegare? La realtà è invece chiara. L’anno prima erano entrati a Napoli i soldati americani e fra loro molti uomini di colore: da allora i casi di bambini nati con la pelle nera erano diventati frequenti. Edoardo Nicolardi (che ha già scritto i testi di canzoni napoletane di un certo successo, fra cui la celebre Voce ‘e notte del 1904) va a casa e scrive il testo di Tammurriata nera. Edoardo Nicolardi.
Edoardo Nicolardi.
Il suo consuocero E.A. Mario, celeberrimo musicista (autore fra l’altro della Leggenda del Piave, il più famoso canto storico della Prima guerra mondiale), la mette immediatamente in musica e nasce una canzone ironica e delicata, fra le più belle e trascinanti della storia della canzone napoletana. La canzone diventa forse la migliore testimonianza delle condizioni di vita nella Napoli dell’immediato dopoguerra, ed in tutte le città italiane dove la vita lentamente ricomincia.

Facente parte del repertorio del grande Renato Carosone, Tammuriata nera è stata poi ripresa e rilanciata negli anni Settanta dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che ha diffuso questa canzone in tutta Italia e ne ha decretato il grande successo nazionale. Recentemente ne ha fornito una trascinante versione anche un altro sommo napoletano, ed anche un grande amico del nostro sito: Daniele Sepe. A voler sottolineare, secondo le sue stesse parole, la “materia prima” di questa canzone, Peppe Barra la canta usualmente assieme ad una sua impressionante canzone scritta assieme a Dario Jacobelli: Guerra. Le presentiamo qui assieme nei video.[RV]
Io nun capisco ‘e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
E’ nato nu criaturo, è nato niro,
e ‘a mamma ‘o chiamma gGiro,
sissignore, ‘o chiamma gGiro.

Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o gGiro,
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

S”o contano ‘e cummare chist’affare
sti cose nun so’ rare se ne vedono a migliare.
‘E vvote basta sulo ‘na ‘uardata,
e ‘a femmena è rimasta sott”a botta ‘mpressiunata.

Seh, ‘na ‘uardata, seh
seh, ‘na ‘mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato,
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

E dice ‘o parulano, Embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce ‘o spiegammo.
Addò pastin’ ‘o grano, ‘o grano cresce
riesce o nun riesce, semp’è grano chello ch’esce.

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta ‘o fatto comm’è ghiuto
Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, gGiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a che…

Seh ‘na ‘uardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

‘E signurine ‘e Caporichino
fanno ammore cu ‘e marrucchine,
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze,
e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.

American espresso,
ramme ‘o dollaro ca vaco ‘e pressa
sinò vene ‘a pulisse,
mette ‘e mmane addò vò isse.

Aieressera a piazza Dante
‘o stommaco mio era vacante,
si nun era p”o contrabbando,
ì’ mò già stevo ‘o campusanto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.

‘E signurine napulitane
fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane,
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare ‘e signurine.

A Cuncetta e a Nanninella
‘e piacevan’e caramelle,
mò se presentano pe’ zitelle
e vann’a fernì ‘ncopp’e burdelle.

E Ciurcillo ‘o viecchio pazzo
s”è arrubbato ‘e matarazze
e ll’America pe’ dispietto
ce ha sceppato ‘e pile ‘a pietto.

Aieressera magnai pellecchie
‘e capille ‘ncopp”e recchie
e capille e capille
e ‘o recotto ‘e camumilla…
‘O recotto,’o recotto
e ‘a fresella cu ‘a carna cotta,
‘a fresella ‘a fresella
e zì moneco ten”a zella.
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.

Instagram filter used: Normal

Tag utilizzati: #ioscatto_napoli #verso_sud_bnw #napoliproject #ig_napoli #ig_napoli_ #ig_napule #foto_napoli #vivonapoli #volgonapoli #loves_napoli #loves_napoli_ #loves_united_napoli #bnw_kings #ok_bnw #world_bnw #total_bnw #fotofanatics_bnw_ #pocket_bnw #ig_great_shots_bnw #igclub_bnw #cuordinapoli #ilikenapoli #volgocampania

Photo taken at: Naples, Italy

View in Instagram ⇒

Fonte: http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1308

A proposito dell'autore

Post correlati

Rispondi